NOVITA' DEL DECRETO "AGOSTO" IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI

Il DL 14.8.2020 n. 104 (c.d. decreto “Agosto”), recante “Misure urgenti per il sostegno e il rilancio dell’economia”, ha modificato l’impianto normativo in materia di ammortizzatori sociali connessi all’emergenza epidemiologica da COVID-19.

L’art. 1 del DL 104/2020 prevede per i datori di lavoro che, nell’anno 2020, sospendono o riducono l’attività lavorativa per eventi riconducibili all’emergenza epidemiologica da COVID-19, la possibilità di presentare domanda di concessione dei trattamenti di:

 

  • cassa integrazione ordinaria (CIGO);
  • assegno ordinario (FIS);
  • cassa integrazione in deroga (CIGD);

 

per una durata massima di 9 settimane, incrementate di ulteriori 9 settimane, nel periodo ricompreso tra il 13.7.2020 ed il 31.12.2020.

Le prime 9 settimane previste dal decreto agosto saranno concesse “a titolo gratuito”; non sarà, infatti, richiesto alcun contributo addizionale.

Per quanto riguarda, invece, le ulteriori 9 settimane, queste saranno riconosciute soltanto ai datori di lavoro ai quali sia già stato autorizzato il periodo precedente di 9 settimane e sarà richiesto il versamento di un contributo addizionale, determinato sulla base del raffronto fra il fatturato aziendale del primo semestre 2020 e lo stesso periodo 2019.

Se la riduzione del fatturato è pari o superiore al 20%, il contributo addizionale non è dovuto.

Diversamente sarà richiesto un contributo pari al 9% della retribuzione globale che sarebbe spettata al lavoratore per le ore di lavoro non prestate durante la sospensione o riduzione dell’attività lavorativa, se la riduzione del fatturato è inferiore al 20%. Tale percentuale sale al 18% se non si è verificata una riduzione del fatturato.

Il contributo addizionale non è dovuto per coloro che hanno avviato l’attività di impresa successivamente al 1.1.2019.

PRIME ISTRUZIONI DELL’INPS

Con il messaggio 3131/2020, l’INPS ha chiarito che per tutte e tre le principali categorie di trattamenti (CIGO, CIGD e assegno ordinario) con causale “emergenza COVID-19”, resta confermato il meccanismo dell’invio di due domande distinte per chiedere l’intervento di sostegno al reddito.

Come già precisato, mentre il primo periodo di 9 settimane non prevede alcuna specifica condizione, il ricorso alle ulteriori 9 settimane è, invece, collegato alla verifica del fatturato delle aziende richiedenti.

Per richiedere l’ulteriore periodo di 9 settimane di integrazione salariale (ordinaria o in deroga) e di assegno ordinario, i datori di lavoro dovranno corredare la domanda di concessione dei trattamenti con una dichiarazione di responsabilità, resa ai sensi di quanto previsto dall’art. 47 del DPR 445/2000, in cui autocertificano la sussistenza dell’eventuale riduzione del fatturato.

L’Istituto previdenziale, ricorrendone i presupposti, autorizza i trattamenti di integrazione e, sulla base della dichiarazione di responsabilità, stabilisce la misura del contributo addizionale dovuto dall’azienda.

La verifica della veridicità delle dichiarazioni fornite dai datori di lavoro sarà effettuata dall’Istituto e dall’Agenzia delle Entrate.

L’INPS ha, inoltre, precisato che per le richieste inerenti alle prime 9 settimane, o il minor periodo che risulta scomputando i periodi già richiesti o autorizzati ai sensi della precedente normativa decorrenti dal 13.7.2020, i datori di lavoro dovranno continuare a utilizzare la causale “COVID-19 nazionale” già in essere.

Per quanto attiene alle ulteriori nove settimane che, in relazione al dettato normativo, possono essere richieste dai soli datori di lavoro ai quali sia stato già interamente autorizzato il precedente periodo di nove settimane, con successivo messaggio saranno fornite istruzioni operative per l’invio delle domande.

TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

TRATTAMENTI DI INTEGRAZIONE SALARIALE

INIZIO PERIODO DI SOSPENSIONE

TERMINE DI INVIO DELLE DOMANDE

CIGO

FIS

CIGD

dal 1.7.2020 al 31.7.2020

30.9.2020

dal 1.8.2020 al 31.8.2020

30.9.2020

dal 1.9.2020

entro la fine del mese successivo

03/10/2020

Lascia la tua opinione

* campi obbligatori (l'indirizzo email NON verrà pubblicato)

Autore*

Email*

URL

Commento*

Codice*